Spazio Arte

" I Poeti dell'Associazione" 


 HOMPAGE -

 

GIOVANNI CIANCHETTI
Via Riesi, 16/B Tel. 0 11.403.60.5 6
10095 GRUGLIASCO (TO) Cel. 330.212.134
Poeta


 
 Le Sue Poesie


IL SILENZIO
 Un fragoroso silenzio è scoppiato
tra noi,è passata una vita,
e siamo ancora qua ad ascoltare
le strepitose voci di tante promesse,
di melodiose e dolci note notturne.
Ascoltiamo questo silenzio che
scandisce le inesorabili nostre ore.
Le ossessioni infinite,le realtà
del tempo si leggono su quelle
rocce,annerite dal tempo,appena
sporgenti sul nostro orizzonte.
Ci siamo arresi,prima della sfida,
e il nostro tempo,in un cammino
insieme,precederà i sassi
ed i grandi e rotolanti massi
che ci colpiranno alle spalle
nel silenzio di questa realtà.
Ascoltiamolo il silenzio,prima
di dire che non ha parole,ancor
prima di tentare di afferrarlo invano,
quando lo senti avanzare,a passi
lunghi ed invadere la nostra anima,
e nutrirsi del resto della coscienza.
 
 
 
SCONOSCIUTO
 Ho ascoltato le tue parole,
erano dolce melodia,
incomprensibile al mio cuore.
Ho sorriso al tuo cospetto,
 avevi un viso da angelo,
ho toccato la tua mano,
accarezzato il tuo volto,
affinché nei tuoi occhi
non vi fossero più lacrime.
Ti ho parlato in una lingua
sconosciuta per raccontarti
 il mare ed i monti,
 per vedere un sorriso
 sul tuo volto e negli occhi,
forse sono monti diversi
 e irrealizzabili, ma che
 percorreremo a piedi nudi
 quando saremo evasi dalla vita
e così il tuo dolore finirà.
 
 
STRANIERA
 Sei arrivata da lontano,
tanta speranza tra le mani,
aspettavi paziente, sguardo attento.
il tempo non passava, giravi
nelle strade, nello sguardo
mondi che credevi migliori.
Ti ho visto,facendo la spesa,
nel mercato rionale, tra
la folla, col cellulare al collo.
Eri tu che dormivi là dentro,
da alcune albe, cappello di Iana.
sguardo attutito da luce chiara.
Sei rimasto come un quadro
attaccato alla parete,
dove si perde lo sguardo,
fisso,ascoltando la vita.
Cammino e nessun saluto,
le strade larghe son chiuse,
lungo il tempo da pensare,
tanti ricordi, tanti pensieri,
ma tu continui la tua via,
all'apparenza indifferente,
ma l'anima piena d'amore.
 
VOGLIO GRIDARE
Voglio gridare,
la mia voglia di vita
a squarciagola.
Griderò,
 
per la rabbia della mia città
che ingoia i miei desideri.
Griderò,
 
per la gioia che finalmente
nel mondo si è creato
qualcosa con amore.
Griderò,
contro l'egoismo,
lo farò svanire nel buio,
lo attaccherò con la poesia
o e sparirà al chiaro di luna
o rimarrà sordo alle promesse.
Griderò,
la mia gioia e la vittoria
sul nemico nascosto in noi.
Griderò,
per la mia voglia di vita.
Giovanni Cianchetti